Lievito ad alta fermentazione tedesco: scopri il lievito Kolsch

Il lievito Kolsch è un lievito ad alta fermentazione utilizzato per ottenere la celebre birra Kolsch che, come gli intenditori sanno bene, è una birra chiara e pregiata, dal gusto appena lievemente amaro e dall’aroma piacevole e mielato. Questa tipologia di lieviti appartiene alla famiglia dei Saccharomyces Cerevisiae, tra i più noti e utilizzati nella produzione birraria artigianale e tradizionale.

 

In natura, i lieviti ad alta fermentazione sono i più diffusi e comuni, anche per questo sono i più usati per fare la birra e appartengono alla tradizione birraria dei paesi più noti per la storica produzione di questa bevanda. Un lievito per birra di questo tipo si attiva ad una temperatura tra i 15° C e i 20-25° C ed è particolarmente apprezzato per le intense note aromatiche che riesce a rilasciare nella bevanda. 

 

La definizione di lievito ad alta fermentazione deriva proprio dal comportamento che questo tipo di lieviti mantengono durante il processo di fermentazione, ovvero nel periodo di tempo in cui il lievito per birra reagisce al contatto con gli zuccheri, sviluppando sia l’anidride carbonica che una certa percentuale di alcool. Quando il lievito si esaurisce, e il processo di fermentazione sta per terminare, i residui salgono verso l’alto, sospinti dall’anidride carbonica, galleggiando sulla superficie: è a causa di questa caratteristica che questo lievito viene definito “ad alta fermentazione”. 

 

Il prodotto ottenuto con il lievito Kolsch, e comunque con questo tipo di lieviti, è una birra ad alta fermentazione, normalmente riconosciuta dalla dicitura “Ale”. La temperatura relativamente alta che questo lievito richiede, comporta una fermentazione piuttosto rapida: infatti, il processo si conclude solitamente in un periodo di tempo che varia dai 3 ai 7 / 8 giorni. 

 

In generale, il processo di fermentazione della birra si verifica di due fasi differenti: la fermentazione vera e propria (che può essere alta o bassa, in base al tipo di lievito utilizzato) e la maturazione. 

 

In entrambi i casi, la fermentazione è la fase principale del processo di produzione della birra, durante la quale il lievito trasforma gli zuccheri contenuti nel mosto in anidride carbonica e alcool. La scelta del tipo di lievito è quindi essenziale per la qualità della birra che si desideri ottenere: i birrai, come abbiamo detto, seguono di solito due procedure di fermentazione: alta o bassa. 

 

Le birre ad alta fermentazione offrono il vantaggio di richiedere un periodo di tempo inferiore alla bassa fermentazione, possono inoltre raggiungere una gradazione alcolica relativamente elevata, anche intorno al 14-15%, e una caratteristica, e molto apprezzata, ricchezza di sfumature aromatiche.